GRUPPO DON MILANI - CALENZANO

 

DON LORENZO MILANI

RIFLESSIONI E TESTIMONIANZE

A TRENT'ANNI DALLA MORTE

 

NUOVA EDIZIONE - Aprile 2001

 

 

LIBRERIA

EDITRICE

FIORENTINA

 

 

 

 

 

GRUPPO DON MILANI - CALENZANO

 

LINGUAGGIO TEOLOGICO E PROFEZIA IN DON MILANI

Atti del Convegno del 21 Giugno 1997

 

 

LIBRERIA

EDITRICE

FIORENTINA

Dopo la morte di don Lorenzo siamo stati invitati in varie parti d’Italia a presentare la sua figura, la sua opera, i suoi insegnamenti. Abbiamo incontrato migliaia di persone e ci siamo resi conto che la gente conosce don Milani molto parzialmente e per lo più soltanto come l'autore delle lettere ai cappellani militari, ai giudici e a una professoressa.

Ma questi sono soltanto alcuni aspetti della sua vita. Altri, che dovrebbero essere più conosciuti, sono rimasti invece in ombra.

Per questa ragione a trent'anni dalla morte abbiamo voluto riproporci l'interrogativo: chi era veramente don Lorenzo? Non è facile rispondere a questa domanda sia per la complessità della persona sia perché il suo pensiero è sempre stato in continua evoluzione. Del resto l'esperienza umana di don Lorenzo è stata tutta orientata a un atteggiamento di ricerca.

In giovinezza cercò il senso ultimo della vita e trovatolo a venti anni aderì al messaggio evangelico in modo totalizzante.

Caratterizzò la preparazione al sacerdozio con uno studio rigoroso dei testi sacri e con l'interessamento alle esperienze di rievangelizzazione del mondo operaio in atto soprattutto in Francia.

Divenuto sacerdote continuò la ricerca sul campo:

Sia per i contenuti che per i metodi della sua testimonianza sacerdotale, pur non avendo la pretesa di dare una risposta definitiva, riteniamo che alcuni punti fermi si possano tuttavia cogliere.

Su di essi abbiamo posto la nostra attenzione e li abbiamo proposti nel nostro libro "Don Lorenzo Milani, riflessioni e testimonianze a trent’anni dalla morte", pubblicato dalla Libreria Editrice Fiorentina - L.E.F - nella convinzione che abbiano un importante significato civile, sociale, religioso, teologico.

Il lavoro contiene anche alcune decine di testimonianze di persone che hanno conosciuto don Lorenzo, soprattutto quando era cappellano a San Donato a Calenzano negli anni 1947-1954, e che arricchiscono il testo aiutando il lettore a conoscere meglio la figura di questo prete eccezionale.

 

ALCUNI DEI GIUDIZI SCRITTI SUL LIBRO

La Libreria Editrice Fiorentina

"...E’ proprio da Calenzano, dove fu cappellano dal 1947 al 1954 presso la parrocchia di San Donato, che prende ora le mosse questo volume scritto dai suoi allievi della Scuola Popolare.

Il volume raccoglie, in una sua parte, una serie di testimonianze dirette e inedite.

Sono le voci dei giovani, di tutte le tendenze politiche, credenti e non, coinvolti nella prima esperienza di Scuola Popolare. Le voci dei sacerdoti che pagarono anch’essi una amicizia "inopportuna". Le voci di chi, semplicemente, ebbe modo di verificarne la coerenza, magari con un po’ di stupore, verso un prete intimamente prete, a volte brusco, estremamente preoccupato delle anime e dei bisogni dei parrocchiani ma che rifiutava le offerte delle messe.

Una parte del testo contiene le riflessioni del Gruppo che opera a Calenzano e continua ad ispirarsi al suo insegnamento. Tra i contenuti della sua testimonianza, grande attenzione viene data al radicamento dell’azione di don Milani nei testi biblici, all’ascolto della Parola, all’interpretazione del testo, alla conquista di un lessico autonomo.

In un piccolo mondo che scopre l’industrializzazione, don Lorenzo fu apripista di un’evangelizzazione autentica, non di facciata, basata sul rinnovamento della catechesi e sull’esempio personale.

Vengono poi ripercorsi i suoi metodi di lavoro; dalla ricerca di un linguaggio semplice, all’uso di strumenti artigianali autoprodotti, all’utilizzo di paradossi per coinvolgere gli interlocutori, fino alle "parabole" espresse prendendo posizioni esemplari.

Un libro di ricerca, di voci e materiali, per uno che fece della ricerca l’atteggiamento principale della sua esperienza umana."

Un sacerdote, Don Rino Breoni – parroco di S. Nicolò all’Arena – Verona

"(...) La vostra "riflessione" e la vostra "testimonianza" a mio personale parere è l’opera più intelligente e seria, quella che vi onora perché ne riflette contenuti e metodi.

Chiarezza di linguaggio, essenzialità nel cogliere i nuclei del Suo pensiero e del Suo stile, insieme alle pagine, a volte struggenti, delle testimonianze, fanno del vostro libro un riferimento ineludibile per chi voglia anche solo conoscere per la prima volta don Lorenzo.(...)".

Un giornalista, Domenico del Rio

"(...) Una scrittura secca, puntigliosa, documentata, ma anche segnata continuamente da una memoria di affetti e di nostalgia ci dona una quantità di elementi che potranno essere poi organizzati dagli studiosi o dagli storici. (...)".

Elena Milani, sorella di don Lorenzo

"(...) Sono convinta che i ragazzi di San Donato siano i più qualificati testimoni della figura di Lorenzo. (...)".

 

A fine aprile 2001 è uscita una nuova edizione del libro "Don Lorenzo Milani, riflessioni e testimonianze a trent'anni dalla morte" (pagg. 208 £ 18.000), arricchita da 32 pagine di ulteriori testimonianze e fotografie.

 

 

Indietro