21 Giugno 2021
News

Marcia di Barbiana virtuale tra Scuole al Tempo della Tecnica

Appello:


Care studentesse e cari studenti dalle elementari alle superiori, forse qualche vostro insegnante vi ha parlato della scuola di Barbiana e del Priore don Lorenzo Milani e quindi per non farvi perdere tempo ed annoiarvi, veniamo al succo di questo Appello.
Dal lontano 19 Maggio 2002 ad oggi, ogni anno, si è svolta la Marcia di Barbiana a piedi, normalmente il terzo sabato o la terza domenica di maggio. Nel 2020 abbiamo realizzato la Marcia di Barbiana-virtuale causa Covid e visto l'interesse (su Facebook seguirono quasi in 6000) si svolse in più tappe visibili sul sito www.donmilani.eu. Quest'anno abbiamo pensato di coinvolgere, o meglio ancora, far parlare voi ragazzi e ragazze che frequentate la scuola, sia per quello che la scuola vi sta dando ed anche criticandola per tutto quello che secondo voi non va. Libertà assoluta !!!
Solo a titolo di esempio e non assolutamente vincolante, se la Didattica a Distanza (DaD) è stata una cosa positiva o negativa, oppure se ci sono state scuole che hanno utilizzato le tecnologie per fare con gli studenti qualcosa di diverso della DaD e chi più ne ha, più ne metta.
Se poi allunghiamo lo sguardo alla prossima estate, noi come Associazione di Volontariato sappiamo, come già abbiamo fatto nell'estate scorsa, di dover dare una mano ai tanti ragazzi che non avendo a disposizione le tecnologie moderne, oggi si trovano ad essere ancora più ultimi.
Giorni orsono il Ministro Bianchi auspicava che se anche gli insegnanti, in una sorta di Volontariato, si attivassero per aiutare chi è rimasto indietro, a settembre la scuola Italiana partirebbe con una marcia in più.
Da questo auspicio del Ministro vogliamo lanciare una provocazione a tutte le Amministrazioni locali ossia che abbiano un po' di coraggio.
A Barbiana in estate andavano allora a ‘fare scuola' al fresco… ,ma anche noi in città possiamo, nei giardini all'aperto, fare altrettanto. Un telone in alto tra gli alberi al riparo dal sole, in una sorta di laboratori all'aperto ricreare quello stare insieme che la pandemia ci ha impedito.
Ricordando Barbiana potremmo già dare un nome a questo tipo di laboratori: -il Fosso dei Tigli- .
Qui a Calenzano siamo fortunati perché l'Amministrazione Comunale, che ringraziamo, ci ha destinato dei locali con spazi aperti, che a breve saranno la nostra Sede . Soltanto a titolo di esempio un nostro socio si è già impegnato a far costruire ai ragazzi un piccolo motorino elettrico utilizzando tappi di sughero e manici di scopa..
A pagina 90 di Lettera a una professoressa rivolgendosi alle Amministrazioni Comunali , citiamo: Si facciano conoscere dalla politica scolastica se son per noi. Asfalto, lampioni e campo sportivo sanno metterli anche i monarchici”.

Le foto in bianco e nero sono di più di 60 anni fa e se guardate bene, la cattedra non c'è e nemmeno la campanella perché a Barbiana mancava la corrente elettrica e quindi non avrebbe comunque potuto suonare! Seduti per terra a fare geografia oppure seduti intorno ad un tavolo a fare scrittura collettiva, insieme al Priore. Ci scusiamo con quelli di voi che già avevano visto queste foto, ma credeteci, 60 anni fa avere l'opportunità di ricevere una foto era un grandissimo privilegio.
Oggi con i telefonini tutto questo è preistoria; vero! Oggi possiamo immortalare con uno scatto ogni istante della nostra vita, ma proprio perché siamo subissati di informazioni, spesso passano in secondo piano realtà e problemi importanti. Concludendo quindi visto che siamo in un mondo dove la tecnica e le tecnologie prendono sempre più spazio, crediamo anche che si possa realizzare una Scrittura-Collettiva utilizzando appunto Tecnica e Tecnologie in grado di dare voce ai giovani . Scriveteci o ditelo in diretta se a qualcuno di voi non piacesse questo slogan :
-Marcia di Barbiana tra Scuole al Tempo della Tecnica- . Grazie!

Francesco 07-05-2021
I care
Non sono le tecnologie ad essere fondamentali ma i contenuti e i messaggi che vogliamo trasmettere! Completamente d'accordo. UN CARO ABBRACCIO A TUTTI !
Aldo 07-05-2021
Tecnica
Spesso la tecnologia produce anche problemi di occupazione, ma in questa situazione di pandemia è anche servita per mantenere un minimo di rapporti tra persone. Aspetto con ansia quello che si diranno in una nuova forma di “ Scrittura Collettiva” le classi che parteciperanno.
Alfonso49 08-05-2021
La scrittura collettiva
Vorrei invitare tutte le ragazze e i ragazzi a mettere in pratica la scrittura collettiva:...basta scrivere un pensiero o una sensazione provata in quest'anno scolastico 'digitale' per cercare di dare un contributo a far sì che la scuola sia sempre più vicina alle esigenze degli studenti.
Alessandro 08-05-2021
Ieri e oggi
Don Milani continuerà a indicarci il cammino giusto anche nell'anno 3000
claudia vellani 09-05-2021
Evoluzione digitale
Bellissima l'idea della marcia da fare anche quest'anno e di far partecipare più direttamente i ragazzi delle scuole. In super ritardo proporrei come titolo: Marcia di Barbiana tra scuole al tempo dell'evoluzione digitale. Mi sembra più attuale! Spero in un valido contributo anche dalle scuole di Modena!
Padulivo22 09-05-2021
le Parole
E' vero che la parola Tecnica è meno precisa e con "evoluzione digitale" si rappresenta meglio il mondo di oggi. Vero, però senza la Tecnica non si può sviluppare la Tecnologia ed anche viceversa. Semantica ?
Eugenio Scardaccione (Gegè) 12-05-2021
Il PRIORE don LORENZO con alunni/e di S.DONATO e BARBIANA ANCORA HANNO TANTO DA INSEGNARCI!
Nel RINGRAZIARE sentitamente il "duo instancabile" ALDO ed EDOARDO e tanti altri organizzatori , desidero testimoniare in poche righe con passione ed entusiasmo la necessità di fare delle scelte, in continuità con l'attualità del messaggio milaniano ancora oggi diffuso dall'esperienza di alunni /alunne e persone che hanno avuto l'esempio del priore don LORENZO come maestro,sacerdote e cittadino SOVRANO. Senza dividerci e contrapporci inutilmente tra chi ritiene la cosiddetta "DAD" -Didattica a distanza una necessità utile che ha sostituito quella che chiamo DIPR-"Didattica in presenza relazionale"- credo che questa seconda MARCIA di BARBIANA, sia pure on-line, può rappresentare un VOLANO sensato e significativo di RIFLESSIONI e PRATICHE POSITIVE . Che possa indicare delle strade percorribili a tutti coloro che hanno a CUORE la SCUOLA , la FAMIGLIA ,la SOCIETA' e per chi crede la CHIESA, tale da offrire spunti di idee ed azioni coseguenti per un solido RINNOVAMENTO,nello spirito della COSTITUZIONE e del VANGELO . E di conseguenza imbattersi e tuffarsi ,senza annegare e mollare per essere "partigiani" nell'abbracciare IL REALISMO da una parte e l'UTOPIA dall'altra. SEnza mai cessare di continuare a MARCIARE in CAMMINO per CAMBIARE e CAMBIARCI!!
Prof.Serafini Antonella SIGONIO 12-05-2021
Marcia, tecnica, cadenzata.. "Dal nulla e nel nulla": verso una nuova Scuola
Non svendiamo troppo alla tecnologia la nostra vita, marciamo su ideali che Don Milani ci ha insegnato: interezza, verita', dedizione incondizionata, trasparenza e coerenza. Cerchiamo di essere noi stessi, di amarci per essere in grado di Amare gli Altri!
Non vedo l'ora di portare, insieme a Claudia, la mia prossima 5B a Barbiana, in marcia a piedi, fisicamente ...
Giovanni Bellini ex allievo della scuola popolare di S.Donato-Calenzano e socio del Gruppo Don Milani di Cale 15-05-2021
una marcia che ci aiuti a riflettere sul passato e a guardare avanti
Ho letto che al tempo della rivoluzione francese Marat diceva che agli uomini di potere non dovrebbe essere chiesto di fare del bene, deve essere impedito loro di fare del male. ( tratto dal libro di Stefania Di Pasquale -Madame Marat - pag:57 MReditori 2021). Trovo ancora attuale questo invito formulato più di due secoli fa, però ciò si potrà concretizzare quando avremo la maggioranza dei cittadini non più sudditi ma SOVRANi, cioè in possesso della Parola e di quei strumenti nozionistico-scolastici e di cultura generale indispensabili per poter esercitare con consapevolezza non solo nostre proposte per migliorare la società e abbattere le troppe ingiustizie ancora presenti, ma vigilare costantemente su coloro che hanno ricevuto la nostra delega,perche sia coerentemente rispettata . Questa Sovranità non ci verrà mai servita su un piatto d'argento dai poteri forti, dovremo ancora una volta conquistarcela scuotendoci di dosso l'inerzia e la rassegnazione; la colpa in genere non è mai tutta da una parte, anche il popolo ha la sua piccola colpa, rispetto alla grande colpa dei governi che in questi decenni hanno fatto della scuola la cenerentola dei loro bilanci.
Stefania Di Pasquale 15-05-2021
Un'anima che ancora influenza
Don lorenzo Milani è uno dei pochi personaggi ad essere entrato nel mio cuore e nel mio quotidiano. Come mi disse il suo ex allievo Giovanni Bellini "Vuoi fare un indigestione di Don Milani ?" ebbene sì ! Non ne ho mai abbastanza di lui e sopratutto del suo insegnamento che cerco di farlo anche mio e di applicarlo intorno a me per essere una cristiana migliore. Per me aver conosciuto i suoi ex allievi dal vero come Giovanni, Nevio, Edoardo e Fiorella e poterli abbracciare è stato come venire a contatto con il Priore. Lorenzo oltre ad essere un grande sacerdote, è stato un grande rivoluzionario e che continua a rivoluzionare il nostro essere (in meglio). Peccato che sia andato via troppo presto, sa quanto avrebbe potuto ancora fare e dire ?
Sandra Passerotti 16-05-2021
marcia tecnica di Barbiana diretta del 16.5.2021
Ho ascoltato tutti gli interventi. Quelli degli ex allievi, che hanno sperimentato sulla loro pelle gli insegnamenti di don Milani, lanciano proposte sia a breve termine che a lungo termine rivolte a coadiuvare e supportare la scuola italiana e i suoi studenti e le loro famiglie per riuscire a rimediare e a contenere i danni che il Covid ha procurato... Come dopo una guerra il Covid ha arricchito i ceti più alti e lasciato macerie in quelli più bassi : perdita del lavoro, insicurezza economica, disagio sociale...ma i maggiori danni li ha provocati nei giovani. Ragazzi e ragazze sono stati lasciati spesso soli e privati del contatto "fisico" con i loro insegnanti e per i più piccoli della vicinanza anche affettiva della maestra o del maestro: figure che nessun strumento tecnologico può sostituire. Proprio in una situazione di criticità e di disagio come questa si avverte il bisogno di recuperare la "scuola di Barbiana"e i suoi insegnamenti ancora così necessari oggi: Il tempo pieno...la scuola estiva all'ombra degli alberi...la scrittura collettiva...la sperimentazione sul campo... la scoperta del mondo...i rapporti interpersonali . Va bene aprirsi all'Europa...Don Milani già lo aveva fatto 60 anni fa! mandando i ragazzi e le ragazze all'estero. Forse è l'Europa che deve imparare da Barbiana... Va bene che la Presidente Ursula von der Leyen adotti I CARE con tanto entusiasmo! facendo pure pubblicità... al "pacchetto vacanze nel Mugello"...ma prima di tutto c'è da rimettere insieme i cocci della scuola italiana... tutti dobbiamo rimboccarci le maniche e fare quello che si può e si deve fare ...ognuno la sua parte. Oggi è peggio di "un dopo guerra", allora c'erano delle tensioni ideali che diedero vita alla Costituzione, alla ripresa economica, al cinema e alla letteratura del neorealismo, emersero grandi figure di uomini e di donne fino ad arrivare a Don Milani e alla scuola serale popolare di Calenzano e alla scuola di Barbiana. Oggi si vive una grande depressione morale: si perde la voglia di studiare perchè tanto non ci sarà lavoro, e se non c'è lavoro non si mette su famiglia e non si fanno bambini. La condizione della donna ritorna paurosamente indietro e già lo vediamo...ricacciadola oggi in una condizione subalterna, mentre don Milani vedeva la sua emancipazione attraverso l'istruzione e un' autonomia che solo il lavoro le avrebbe dato.
Dire I CARE oggi : mi interessa, mi prendo cura: ma di che cosa...ma di chi? se non si ha l'istruzione e la parola che ci fa eguali e il lavoro che ci dà dignità saremo solo dei sudditi sottomessi, in un mondo dove regna l'arroganza del capitale.





Realizzazione siti web www.sitoper.it